Bruno Giacosa

Bruno Giacosa

Tutti i prodotti da Bruno Giacosa ›

La tenuta della famiglia Giacosa, situata a est di Torino nel paesaggio ondulato delle Langhe, è uno dei nomi più famosi del vino italiano. Bruno Giacosa, in particolare, si è guadagnato fama mondiale per i suoi vini rossi complessi e longevi dei distretti del Barolo e del Barbaresco, considerati icone tra i classici del Piemonte. Oggi la figlia Bruna dirige l'Azienda Agricola Falletto, portando avanti instancabilmente lo stile tradizionale del carismatico padre: con la loro eleganza e finezza, i vini di Giacosa sono ancora unici in Piemonte.

mostra di più

Un tempo una piccola casa nel nord-est della Grecia, oggi una tenuta di fama mondiale

Le origini della tenuta della famiglia Giacosa risalgono al XIX secolo, quando il nonno di Bruno, Carlo, fondò la tenuta.Il nonno di Bruno, Carlo, e in seguito suo padre, Mario, acquistavano le uve dalle tenute vicine e le vendevano a coltivatori affermati, perché all'epoca l'azienda si concentrava ancora sulla coltivazione piuttosto che sulla produzione. La famiglia non possedeva ancora vigneti e il vino veniva pressato solo su piccola scala per uso proprio. Bruno Giacosa iniziò a lavorare nell'azienda di famiglia fin da giovanissimo, imparando tutto ciò che riguardava la qualità dell'uva e la produzione del vino: in breve tempo acquisì la stessa dimestichezza con i gesti necessari in vigna e con i compiti più importanti in cantina. Bruno Giacosa ha messo per la prima volta a frutto tutte le conoscenze acquisite vinificando un Barbaresco Riserva dello scorso millennio.La storia del successo seguì poi il suo corso, poiché la sua capacità di esaltare i sapori lo rese rapidamente famoso. Già nel 1964, Bruno Giacosa imbottigliava i suoi primi vini da singole parcelle: e su questo punto, il giovane enologo émodernissimo e uno dei primi produttori in Piémont à vinificatore séparément il récolte di parcelle privilegiateées.

&Perfetto equilibrio tra tradizione e modernità;

A differenza di molti suoi coll;A differenza di molti suoi colleghi, che producevano i loro vini rossi in modo molto più moderno, utilizzando un periodo di macerazione più breve e un periodo di macerazione più lungo, questo vino è un perfetto equilibrio tra tradizione e modernità;Bruno Giacosa è sempre stato impegnato in metodi di vinificazione moderni, grandi botti di rovere e lunghi periodi di maturazione. L'enologo della vecchia scuola, ad esempio, si è rifiutato di limitare il contenuto di tannini che, quando percepibili, sono una delle caratteristiche essenziali del nebbiolo.

Detto questo, l'attaccamento di Bruno Giacosa alla tradizione non ha nulla a che vedere con la mancanza di spirito pionieristico - al contrario. Giacosa e il suo maestro di cantina Dante Scaglione sono sempre stati molto ricettivi nei confronti delle innovazioni tecniche in cantina che miglioravano i vini senza modificarne lo stile: Ad esempio, l'utilizzo di nuovi tini in acciaio inox ha ottimizzato la resa in tannini, mentre la materia estratta è risultata molto più morbida e i tempi di fermentazione e macerazione si sono accorciati. Inoltre, le botti francesi di media capacità, che negli anni si sono aggiunte alle vecchie botti di rovere di Slavonia, hanno arricchito il vino;ne di Slavonia, hanno arricchito i vini di maggiore finezza senza mascherare il gusto caratteristico del cedro con gli aromi tostati e le note vanigliate tipiche delle botti nuove.

Anche Bruna Giacosa, sua figlia, punta sullo stile tradizionale

Dopo che Bruno Giacosa, nei primi vent'anni della sua carriera, ha potuto fare il suo vino, ha deciso di farlo suo.Dopo che Bruno Giacosa, nei primi vent'anni della sua carriera, aveva prodotto tutti i suoi vini con uve acquistate da vigneti accuratamente selezionati, decise di puntare sullo stile tradizionale.Grazie al suo successo, all'inizio degli anni '80 riuscì ad acquistare, in primo luogo, un appezzamento di vite in un piccolo villaggio e, in secondo luogo, un vigneto in un piccolo paese.Prima un appezzamento di Barolo di prima classe, poi altre superbe località di Barbaresco, La Morra e Serralunga. Da allora, i vigneti coprono poco più di venti ettari.

Nella sua vita, Giacosa ha prestato particolare attenzione all'arneis, un antico vino bianco autoctono, la cui coltivazione è limitata a pochi secoli; Senza il suo impegno e quello di alcuni colleghi viticoltori, probabilmente sarebbe scomparso del tutto dal Piemonte.Grazie alla sua iniziativa, molti viticoltori del Piémont hanno ritrovato il gusto per questa difficile coltura;Oggi viene coltivato su diverse centinaia di ettari di terreno. Accanto all'arneis e al nebbiolo, nei vigneti dell'Azienda si trovano i tipici vitigni regionali, il dolcetto e il barbera.Nessuna uva internazionale è mai entrata nei vini della famiglia.

Come suo padre, Bruna Giacosa si affida alla vendemmia manuale, alla macerazione intensiva e all'estrazione delicata dei tannini migliori, all'invecchiamento paziente in botti grandi e alla maturazione in bottiglia. Il risultato è che la personalità di ogni vino viene perfettamente esaltata e, come sempre, senza note di legno dominanti. Ha mantenuto lo stile unico dei vini del vecchio maestro e, alla fine, i vini di Bruna Giacosa non hanno nulla da invidiare a quelli del padre. Tanto da permetterci di godere di ogni futura annata di questa leggendaria tenuta di culto già da ora.

Bruno Giacosa
Via XX Settembre 52
12057 Neive
Italia
Tel. +39 01 73 67 027

15 Risultati

15 Prodotto/i

La tenuta della famiglia Giacosa, situata a est di Torino nel paesaggio ondulato delle Langhe, è uno dei nomi più famosi del vino italiano. Bruno Giacosa, in particolare, si è guadagnato fama mondiale per i suoi vini rossi complessi e longevi dei distretti del Barolo e del Barbaresco, considerati icone tra i classici del Piemonte. Oggi la figlia Bruna dirige l'Azienda Agricola Falletto, portando avanti instancabilmente lo stile tradizionale del carismatico padre: con la loro eleganza e finezza, i vini di Giacosa sono ancora unici in Piemonte.