Bio

VINO BIO: TUTTO IL PIACERE DELLE COLTIVAZIONI ECOLOGICHE

Negli ultimi anni la percezione del vino biologico è cambiata radicalmente, allontanandosi dalla nicchia ecologica e raggiungendo un’ampia accettazione tra i buongustai di tutto il mondo: i vini biologici non sono mai stati così popolari. In particolare, oggi sempre più vini d’eccellenza vengono prodotti da uve coltivate secondo direttive biologiche e questa nuova tendenza agricola sembra destinata a continuare a lungo, per molti buoni motivi: oltre alla tutela dell’ambiente e all'equilibrio dell’ecosistema, quest’evoluzione pone in primo piano la salute delle piante, degli animali e delle persone nonché la valorizzazione del carattere individuale dei terroir.

552 Risultati

Prodotti da 1 a 24 di 552 in totale

Vini biologici - Il futuro del vino?

La percezione dei vini biologici è cambiata radicalmente negli ultimi dieci anni: da nicchia ecologica è diventata fenomeno di massa.

All'inizio del movimento ecologico, la maggior parte dei vini biologici non era certamente di alta qualità. Venivano venduti esclusivamente nei negozi biologici e consumati solo da pochi idealisti convinti. Oggi, molti di loro sono notevoli. Rappresentano una solida fetta di mercato, ampiamente accettata dal grande pubblico. Vorremmo spiegare esattamente cosa sono i vini biologici e quando la denominazione biologica può essere legittimamente riportata sulla bottiglia.

Per maggiori informazioni, vedere qui:

Che cos'è la viticoltura biologica?

La viticoltura biologica è un metodo di produzione del vino che richiede misure di lavorazione il più possibile rispettose della natura, in termini di coltivazione del suolo, concimazione e protezione delle piante. I primi concetti di viticoltura ecologica sono stati implementati negli anni '60. Dal 1980 in poi, la viticoltura biologica è stata strutturata da associazioni agricole come Bioland, Ecovin, Naturland e Demeter, e condotta secondo le loro diverse regole di coltivazione. Dagli anni '90, le normative europee sui vini biologici richiedono, tra l'altro, l'uso di pesticidi e fertilizzanti organici, nonché ispezioni regolari delle cantine.

Come funzionano le cantine biologiche convertite?

La differenza con la viticoltura tradizionale sta nella preparazione del vigneto, in altre parole nella cura delle viti. L'obiettivo è mantenere un ecosistema equilibrato che rispetti la biodiversità, i terreni sani e le piante naturali vitali nel vigneto. Ciò avviene senza l'uso di sostanze chimiche di sintesi, in modo che l'impatto sulle persone e sull'ambiente sia il più ridotto possibile: si producono vini senza residui e senza danneggiare il suolo o le piante. Le erbacce vengono rimosse esclusivamente a mano. Non vengono utilizzati fertilizzanti minerali per concimare i vigneti, ma solo humus, compost e altre fonti di nutrimento organico. Per proteggere le piante dall'oidio e dalla peronospora si utilizzano bicarbonato di sodio, zolfo e rame. Inoltre, cerchiamo di aumentare la resistenza delle viti con stimolatori delle difese naturali delle piante. Per preservare l'attività del suolo e la biodiversità, nei vigneti biologici vengono piantate diverse piante tra i filari. In Germania, circa l'otto per cento (8.000 ettari) della superficie viticola totale è coltivata con metodo biologico.

Vini biologici - il vento in poppa

Qualche anno fa, la quota di mercato dei vini biologici in Germania era appena dell'uno per cento. Nel 2015 avevano già conquistato il 5% del mercato e nel 2018 si punta a raggiungere l'8%.

Anche nel resto del mondo la percentuale di vini biologici è in costante crescita e rappresenta già il 4% dell'intero mercato vinicolo globale. Sempre più aziende vinicole in ogni continente lavorano secondo le regole dell'agricoltura biologica, una tendenza che sta facendo notevoli progressi. La Spagna è il leader mondiale con oltre 80.000 ettari di vigneti biologici, davanti alla Francia con 60.000 ettari e all'Italia con oltre 50.000 ettari.

Se Spagna, Francia e Italia si sono convertite all'agricoltura biologica in modo così massiccio negli ultimi anni, è perché beneficiano di condizioni climatiche favorevoli, con precipitazioni scarse e venti secchi che ostacolano lo sviluppo di molte malattie fungine. Il clima è certamente un fattore determinante, ma anche l'imponente lavoro svolto nei vigneti è un fattore essenziale, come dimostra l'Austria, che ha la più alta quota biologica al mondo in rapporto alla superficie totale coltivata del Paese.Attualmente, poco meno del novanta per cento dei vigneti mondiali certificati come biologici si trova in Europa, ma nel Nuovo Mondo la tendenza alla produzione ecologica è chiaramente identificabile.

Grandi produttori - Iniziatori del biologico

Grandi produttori internazionali come Château Pontet-Canet, Clos Mogador, Planeta o Château Beaucastel, che hanno tracciato una strada esemplare lavorando in modo ecologico per lungo tempo, sono molto importanti per la scena del vino biologico. Producono vini monumentali, salutati con entusiasmo dalla critica e molto apprezzati dagli enofili. La loro esperienza ha spinto altri produttori a seguire il loro esempio e li ha convinti a sopportare i tre anni necessari per passare dalla viticoltura tradizionale alla viticoltura biologica certificata. Produttori tedeschi di spicco come Wittmann, St. Antony e Schnaitmann sono figure di ispirazione, seguiti a ruota da altri viticoltori.Con i loro vini grandiosi, dimostrano che le azioni biologiche non sono solo l'espressione di una convinzione ideologica, ma che i loro vini possiedono soprattutto un enorme equilibrio e sono altamente espressivi del loro terroir, proprio perché provengono da vigneti sani in cui vivono nuovamente erbe, api e farfalle.