Gin

Gin

66 Risultati

Prodotti da 1 a 22 di 66 in totale

Gin - gustoso ginepro

Gin - la bevanda alla moda del 2017 - e il fermento non accenna a diminuire. Solo in Germania esistono ormai più di 1.000 tipi di gin. Le piccole distillerie di gin stanno spuntando come funghi. Cosa rende il gin così attraente e qual è la sua base?

L'\"origine\" del gin è, come per molti alcolici, principalmente un alcol neutro proveniente dalla produzione agricola, ad esempio il korn o la vodka. Alcuni produttori di gin affermano che la base del loro gin è costituita da patate e vinacce. Allo spirito neutro vengono poi aggiunte le bacche di ginepro, il componente \"principale\" di tutti i gin, e altre spezie. A seconda del tipo di gin, possono essere aggiunti molti altri ingredienti che ne determinano il sapore caratteristico. Gli \"ingredienti del gin\" sono chiamati botaniche.

Per maggiori informazioni, vedere qui:

Gruppi di aromi del gin


Dalle botaniche vengono creati cinque gruppi di aromi, ognuno dei quali conferisce a ciascun gin la propria identità. Il primo gruppo forma i gin forti al ginepro. L'aroma di bacche, talvolta combinato con note di coriandolo e/o agrumi, è sempre in primo piano.

Nel secondo gruppo, le note agrumate sono in primo piano: gli aromi di lime, bergamotto e limone sovrastano il tipico sapore di ginepro. I gin speziati, invece, hanno un sapore pronunciato di erbe da giardino o di erbe mediterranee. Il rosmarino e il timo sono particolarmente diffusi in questa versione del gin. Come sostanze botaniche vengono utilizzate molte varianti di fiori. I cosiddetti gin floreali, ad esempio, devono il loro nome agli aromi di sambuco e lavanda.

Il quinto gruppo di aromi, che riunisce i gin \"crispen\", sono particolarmente marcati da spezie come coriandolo, cardamomo o pepe.

I numerosi gin si differenziano non solo per il gusto, ma anche per il modo in cui vengono prodotti. E soprattutto per i diversi modi in cui lo spirito può essere aromatizzato. In linea di massima, il gin viene prodotto in quattro fasi.

Il processo di produzione del gin

Nella prima fase - la macerazione (leggi qui: le spezie vengono aggiunte all'alcol neutro, che ne assimila il colore e soprattutto le sostanze aromatiche.
Esiste un altro modo di aromatizzare il gin: l'infusione. I vapori di alcol che derivano dalla distillazione si impregnano delle essenze delle botaniche contenute in un \"sacchetto di aromi\" sospeso sopra l'alcol.

Nella seconda fase, il primo punto di ebollizione dell'acqua durante il riscaldamento del macerato viene utilizzato per separare l'acqua dall'alcol. Il risultato è un gin di circa 96% vol.

Poi il gin viene conservato. Sebbene la conservazione del gin non sia assolutamente necessaria, la maggior parte dei produttori non vi rinuncia, per far riposare lo spirito dal calore. Inoltre, il sapore acquista maggiore rotondità. Nella maggior parte dei casi, i distillati vengono lasciati riposare per quattro-sei settimane in contenitori generalmente \"incontaminati\" dagli aromi, come tini d'acciaio o palloni di vetro. I gin di riserva vengono conservati in botti di legno per lo stesso periodo di tempo. Gli aromi del legno, che variano a seconda del contenuto precedente delle botti, passano nel gin.

Nella fase finale, il gin viene imbottigliato ed etichettato. A questo punto è poco meno di 96% vol. Poiché questo grado alcolico non ha nulla a che vedere con quello che consumiamo normalmente, il contenuto alcolico viene poi ridotto, in particolare con l'acqua. Per questa diluizione è importante che l'acqua non sia troppo dura o ricca di minerali, altrimenti il sapore del gin verrebbe rapidamente assorbito. Attraverso questa riduzione alcolica del gin, il produttore ne determina la gradazione finale. Tuttavia, un gin deve avere una gradazione minima di 32% vol. La maggior parte dei gin si aggira intorno ai 42-47% vol. Tutti gli altri, tra i 52 e i 57% vol., sono considerati \"Overproof Gins\".

... e alla fine, è gin.